DPD Tipi di sdoganamento

Per la spedizione senza confini.

DPD Tipi di sdoganamento

Per la spedizione senza confini.

DPD vi offre fino a tre tipi di sdoganamento a scelta in base al paese di destinazione. L'offerta di sdoganamento, il tipo di sdoganamento e l'affrancatura possono variare a seconda del servizio e del paese di destinazione.

Sdoganamento d’importazione

Lo sdoganamento all’importazione (importazione diretta) viene applicato se l’itinerario porta direttamente dal paese di spedizione al paese di destinazione, ad es. nella spedizione pacchi con DPD dal paese di spedizione Svizzera direttamente al paese di destinazione Germania (indirizzo del destinatario in Germania).

Uno sdoganamento UE avviene sempre tra tre diversi paesi:

1. Paese di esportazione
2. Paese importatore
3. Paese di importazione

Senza numero identificativo IVA proprio, con rappresentanza fiscale DPD (A/H/A GmbH)

Mettiamo a vostra disposizione il numero identificativo IVA necessario per lo sdoganamento UE (numero IVA) e ci occupiamo al vostro posto dell’obbligo di notifica, delle necessarie dichiarazioni fiscali e Intrastat.

Senza numero identificativo IVA proprio, con rappresentanza fiscale propria

La vostra rappresentanza fiscale mette a vostra disposizione il numero identificativo IVA necessario per lo sdoganamento UE e si occupa per voi dell’obbligo di notifica, delle necessarie dichiarazioni fiscali e Intrastat.

Con numero identificativo IVA proprio

A partire da un volume di fatturato/esportazione pari a ca. 30 spedizioni al mese e oltre, vi suggeriamo di richiedere un numero identificativo IVA proprio.

 

Vantaggi

  • Consegna intracomunitaria esente dall’imposta sul valore aggiunto
  • Nessuna spesa in contanti, commissione di presentazione e interessi per l’IVA all'importazione (16-25% a seconda del paese di destinazione)
  • Diventate più competitivi sul mercato UE: la vostra spedizione può essere elaborata senza ulteriori oneri amministrativi.

Grazie allo sdoganamento UE i fornitori svizzeri sono equiparati a quelli UE.

 

Filter
Filter
  • Anpassung der europäischen Mehrwertsteuerregelung (IOSS)
Clear filters

Cosa cambierà esattamente dal 1° luglio?

  • Viene abolita l'esenzione dall'IVA per le merci importate nell'UE fino a un valore di EUR 22.–. Questo significa che ora tutti i beni sono soggetti a IVA indipendentemente dal loro valore.
  • Al fine di semplificare la procedura di fatturazione dell'IVA, gli stati membri dell'UE mettono a disposizione dei fornitori B2C dei paesi non UE l’IOSS (Import One Stop Shop). Questo faciliterà la dichiarazione, la raccolta e il pagamento dell'IVA sulle transazioni di vendita a distanza (B2C) al di sotto di EUR 150.–.

Quali forniture di merci sono interessate dal sistema IOSS?

  • Tutte le merci spedite nell'UE (importazioni nell'UE) per un valore intrinseco massimo di EUR 150.– (valore escluso tasse e trasporto, se l'importo del trasporto non è indicato sulla fattura).
  • Merci non soggette ad accisa (di solito per l'alcool o i tabacchi lavorati).

A cosa serve l’IOSS?

L'IOSS permette ai fornitori extracomunitari che vendono beni a privati nell'UE di riscuotere, dichiarare e versare l'IVA alle autorità fiscali invece di costringere l'acquirente a pagare l'IVA al momento dell'importazione dei beni nell'UE, come accadeva in precedenza (per beni superiori a EUR 22.–)

Quali sono i vantaggi dell’IOSS?

L'IOSS facilita e semplifica la riscossione, la dichiarazione e il versamento dell'IVA per le vendite online ai vostri clienti UE. Si applica all'acquisto di beni da parte di un privato all'interno dell'UE e per beni con un valore inferiore a EUR 150.– (valore dei beni esclusi IVA e costi di trasporto).

Come funziona l’IOSS?

  • Il fornitore registrato nell'IOSS (di uno Stato non membro dell'UE) deve applicare l'IVA su vendite di un valore inferiore a EUR 150.– a privati residenti nell'UE.
  • Si applica l'aliquota IVA dello Stato membro dell'UE in cui la merce viene consegnata (Paese di destinazione).
  • Il numero IOSS è unico, valido in tutta l'UE e riconosciuto da tutte le autorità doganali dell'UE.
  • Il numero IOSS deve essere indicato sulla dichiarazione di importazione con la designazione H7.
  • La dogana non riscuote l'IVA all'importazione o i dazi doganali.

Come si fa a registrarsi sull’IOSS?

  • La registrazione è possibile tramite il portale IOSS di qualsiasi Stato membro dell'UE. I tempi di implementazione di questa nuova funzione possono variare a seconda dello Stato membro.
  • Richiedete un numero IOSS come commercianti svizzeri al vostro rappresentante fiscale (un intermediario con sede nel Member State of Identification).
  • La vostra registrazione sull'IOSS deve essere fatta una sola volta e solo in uno Stato membro; sarà quindi valida e riconosciuta in tutta l'UE.

Cosa bisogna fare quando si usa l’IOSS?

  • Visualizzate le aliquote IVA applicabili per il paese di destinazione sul vostro sito web.
  • Addebitate all'acquirente l'IVA al tasso applicabile nel paese di destinazione.
  • Applicate la regolamentazione IOSS solo se fate vendite a privati europei e per un valore di beni inferiore a EUR 150.–.
  • Indicate sulla fattura il prezzo effettivamente pagato dall'acquirente, se possibile in EUR.
  • Presentate una dichiarazione IVA elettronica mensile attraverso il portale IOSS dello Stato membro in cui siete registrati nell'IOSS.
  • Pagate l'IVA riscossa dai vostri acquirenti attraverso il portale IOSS dello Stato membro in cui siete registrati.
  • Archiviate tutte le vostre vendite riportate in IOSS per 10 anni.
  • Fornite a DPD le informazioni necessarie per lo sdoganamento, in particolare il vostro numero EORI e il vostro numero IOSS.

Cosa cambia per le vostre spedizioni con DPD?

  • Non c'è più alcuna esenzione IVA per le importazioni nell'UE, nemmeno per le spedizioni sotto EUR 22.–.
  • La registrazione IOSS è obbligatoria per tutte le spedizioni B2C sotto EUR 150.– a privati nell'UE.
  • Per tutte le spedizioni B2C con un valore inferiore a EUR 150.–, è necessario presentare la fattura di vendita comprensiva di IVA, indicare il numero IOSS e applicare l'aliquota IVA del Paese di destinazione.

Cosa rimane invariato per le vostre spedizioni con DPD?

  • Le spedizioni B2C di valore superiore a EUR 150.– saranno sdoganate nel primo stato membro dell'UE di importazione (Germania o Francia), come in precedenza.
  • Le spedizioni B2B continueranno a essere sdoganate attraverso la dogana UE o la dogana standard nel primo Stato membro dell'UE di importazione (Germania o Francia).
  • Per tutte le «spedizioni non IOSS», la presentazione di una fattura dettagliata (EORI, p. IVA, descrizione, origine) rimane obbligatoria.

Dove posso ottenere informazioni sull’IOSS?

  • Sul sito della Commissione europea (schede disponibili): https://ec.europa.eu/taxation_customs/business/vat/new-oss-schemes_en
  • Se si opta per la registrazione IOSS, è necessario utilizzare il punto di contatto IVA dello Stato membro di vostra scelta (per lo più si trova sul sito web delle dogane).

Possibile soluzione di rappresentanza fiscale (partner non esclusivo di DPDgroup)

Medium (1223kb)

PDF