Informazioni e misure attuali presso la DPD Svizzera in merito al coronavirus

 

Con la diffusione e lo sviluppo del coronavirus (Covid-19) in tutto il mondo, DPDgroup come società di consegna pacchi ha un ruolo importante da svolgere nel rallentare il progresso del nuovo coronavirus. DPDgroup sta monitorando attentamente la situazione del coronavirus e segue i consigli dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e delle autorità nazionali.

 

Misure adottate da DPD Svizzera

Nell’attuazione delle misure ci atteniamo a quanto consigliato dall’Ufficio federale della sanità pubblica e alle istruzioni impartire dalla centrale di DPDgroup. Dall’inizio della pandemia coronavirus abbiamo introdotto diverse misure quali l’homeoffice, la programmazione differenziata delle pause, la divisione dei team o lo storno di viaggi e meeting. Inoltre abbiamo creato un gruppo di intervento che osserva costantemente la situazione e crea diversi scenari e diverse misure. L’obiettivo è garantire il nostro business e proteggere la salute dei nostri collaboratori e clienti.

Per proteggere la salute dei nostri destinatari, offriamo da subito la consegna senza contatto. Per i nostri servizi che prevedono la firma, il destinatario ha la possibilità di firmare direttamente sull’etichetta del pacco. Questo ci permette di eseguire la consegna senza obbligare il destinatario a firmare sullo scanner. I nostri autisti fanno una fotografia della firma apposta sull’etichetta - il che assicura il riscontro della consegna.

 

Consegna pacchi in Svizzera

I pacchi nei negozi possono ora essere consegnati solo in misura limitata. Dal 18 gennaio 2021, tutti i negozi che vendono beni di consumo non giornalieri saranno chiusi. Chioschi, panetterie, stazioni di servizio, farmacie, farmacie, negozi di ottica, negozi di apparecchi acustici, telecomunicazioni, negozi di riparazione e manutenzione, lavanderie, parrucchieri, negozi di bricolage e giardinaggio e negozi di fiori possono rimanere aperti.

Chiediamo a tutti i mittenti di controllare se la consegna può ancora essere effettuata all'indirizzo di consegna prima dell'invio. I pacchi destinati ai negozi che sono chiusi a causa dei requisiti federali in vigore saranno restituiti al mittente al costo dopo il primo tentativo di consegna. I ritiri si svolgeranno come previsto. Se un ritiro non è possibile, fatecelo sapere.

Si prega di notare che alcuni dei nostri DPD Pickup parcelshops resteranno chiusi.

Ai negozi che sono chiusi ma accettano comunque i pacchi: Si prega di apporre un'etichetta sulla porta d'ingresso dove le merci possono essere accettate.

 

Spedizioni all'estero

Poiché alcuni paesi sono di nuovo in isolamento, molte spedizioni non possono essere consegnate.
Ai mittenti chiediamo di verificare se le consegne sono ancora possibili in queste zone. A condizione che il destinatario sia aperto le consegne avverranno come sempre. Se invece il destinatario ha dovuto chiudere causa “Lock Down” e non può quindi garantire la ricezione, la preghiamo di evitare di inviare di inviare i colli.

 

Sospensione dei servizi dal Regno Unito all'Europa e alla Repubblica d'Irlanda

Il servizio dal Regno Unito all'Europa e alla Repubblica d'Irlanda è in pausa a causa degli adeguamenti di Brexit. Le importazioni nel Regno Unito riprenderanno. Tutti i dettagli devono essere conformi a Brexit. Le formalità doganali per il commercio di beni e servizi sono obbligatorie. Potrebbero esserci ritardi a causa delle nuove regole di Brexit.

Attualmente non sappiamo per quanto tempo questi servizi non saranno disponibili. Non appena la situazione cambierà, forniremo aggiornamenti regolari.

 

Aggiornato il 14.01.2021